Ezio Cescutti: artista friulano per la mostra “Morârs” a Basiliano (Udine)

Ezio Cescutti, a partire dagli anni Ottanta, dà nuova linfa vitale, attraverso la sua arte, alle innumerevoli sfaccettature della cultura tradizionale friulana, rappresentate anche dal paesaggio e dai suoi gelsi. Ha preso parte a numerose mostre personali e collettive, sia in Friuli che in Francia, e le sue opere sono conservate in varie collezioni pubbliche e private. Per saperne di più sulle idee alla base dei suoi dipinti, lo abbiamo intervistato in occasione della mostra “Morârs”, in programma dal primo dicembre 2018 al 28 febbraio 2019 presso la sala consiliare in P.zza del Municipio a Basiliano, in provincia di Udine.

Gelso dipinto da Ezio Cescutti, artista friulano
Gelso dipinto da Ezio Cescutti, artista friulano

Ezio, le tue creazioni artistiche mostrano in modo diretto e chiaro il tuo amore per la cultura friulana. Infatti tra i soggetti spiccano le portatrici carniche, i dettagli di case rustiche, le maschere tradizionali e in particolare i gelsi che caratterizzano la nostra terra. Da ciò si può dedurre che sei fortemente cosciente del valore che il paesaggio ha nel dare forma alla cultura identitaria di chi lo abita?

Il paesaggio è lo specchio del territorio e di chi lo abita, di chi lo vive. E’ il simbolo della civiltà contadina che ha caratterizzato la nostra regione fino a non molti anni fa ed è per questo che va rispettato ed onorato come una reliquia da tramandare ai posteri, pur consapevoli che ciò è molto difficile in una società tecnologica come la nostra.

Portatrice carnica, dipinto di Ezio Cescutti, artista friulano
Portatrice carnica, dipinto di Ezio Cescutti, artista friulano

Ritieni che i gelsi siano elementi fondamentali nel connotare il paesaggio friulano e determinarne la peculiarità? E’ per questo che sono una presenza costante nelle tue opere?

Il gelso ha sempre dato un connotato preciso al paesaggio friulano, sia dal punto di vista estetico che economico. Non dimentichiamoci infatti che gran parte dell’economia domestica era basata sull’allevamento dei bachi da seta che si cibavano delle sue foglie. La presenza del gelso nelle mie opere è dovuta al fatto che mi riconosco in questo albero, contorto e nodoso, tormentato nelle sue forme, ma estremamente vigoroso. Infatti più si tagliano i suoi rami, più ricrescono rigogliosi l’anno successivo. Duro come il carattere friulano, ma anche dolce d’estate come le more, i frutti che ci regala.

Filare di gelsi nel paesaggio, dipinto da Ezio Cescutti, artista friulano
Filare di gelsi nel paesaggio, dipinto da Ezio Cescutti, artista friulano

Possiamo quindi ritenere che la pittura sia per te non solo amore per il paesaggio friulano, ma anche un modo per valorizzarlo, ossia per sottolinearne la portata etica e culturale? Ritieni che l’arte e le sue mostre siano importanti per coinvolgere la società locale e rendere più vivo il suo rapporto con il paesaggio?

L’arte e le mostre devono essere un veicolo di diffusione della cultura della nostra terra. Devono essere, in tempi dove tutto è mediatico, un veicolo di comunicazione visiva. Così come lo erano gli affreschi nelle chiese medievali: un modo di leggere con gli occhi le sacre scritture per chi non era in grado di acquisire i costosi testi scritti dagli amanuensi.

Gelso dipinto da Ezio Cescutti, artista friulano
Gelso dipinto da Ezio Cescutti, artista friulano

Sei un grande sperimentatore di tecniche artistiche. Hai iniziato privilegiando la pittura ad olio, per poi usare anche matita, sanguigna, carboncino, china e non solo. Hai abbracciato anche il mondo della grafica, con punte secche ed acqueforti. C’è un criterio dietro la scelta della tecnica e dei materiali che usi?

Non esiste un criterio preciso: mi piace provare e sperimentare tecniche e materiali nuovi per trovare  negli elaborati nuove emozioni. Spesso riproduco un soggetto in tutte le tecniche che conosco per verificare la resa e l’impatto che si ottengono trattando lo stesso in diverse maniere.

Filare di gelsi nel paesaggio, dipinto di Ezio Cescutti, artista friulano
Filare di gelsi nel paesaggio, dipinto di Ezio Cescutti, artista friulano

Anche il tuo stile è molto vario. In alcuni dipinti ad olio sembra tu voglia rappresentare fedelmente il paesaggio. Altri, invece, soprattutto quelli che hanno come soggetto singoli gelsi realizzate a carboncino, vanno oltre il puro stile mimetico, anche per l’uso di colori puri come il blu. Sono i singoli gelsi che, a seconda del momento in cui li guardi, ispirano il tuo stile?

Il gelso al pari della vite, che spesso troviamo uniti nei filari delle nostre campagne, sono piante che mi affascinano e mi ispirano a riprodurli, anche in maniera non canonica, ricercando la loro essenza, la loro anima di piante semplici e umili. Umili perchè non venivano mai rappresentati nei quadri o negli affreschi della pittura accademica, in quanto erano piante povere; si privilegiavano invece le piante esotiche, simbolo di benessere. Bastano pertanto, in certe occasioni, pochi tratti, pochi particolari, pochi tocchi di colore per definire una composizione.

Gelso dipinto da Ezio Cescutti, artista friulano
Gelso dipinto da Ezio Cescutti, artista friulano

L’interesse per le tradizioni e la cultura friulana ti hanno portato alla scoperta delle maschere tipiche in legno del carnevale tarcentino, i “tomats”. Essendo in seguito passato alla scultura a tutto tondo, hai mai pensato di realizzare un gelso con l’uso del legno stesso, quasi a volere sfidare la natura?

Ho eseguito delle maschere in gelso che, a differenza di quanto si fa di solito, non ho dipinto. Le ho lasciate al naturale, perché il gelso non è bello solo esteriormente, ma è affascinante anche internamente, con le sue venature, con il suo colore caldo quasi ramato. L’unico difetto per chi lo scolpisce, ulteriore pregio invece per questa pianta, è la durezza e nodosità che la caratterizzano e che ne rendono problematico l’uso. Realizzare poi un gelso sarebbe un oltraggio alla natura, in quanto ogni pianta è già una scultura vivente.

Maschere tradizionali di Tarcento, dipinte da Ezio Cescutti, artista friulano
Maschere tradizionali di Tarcento, dipinte da Ezio Cescutti, artista friulano
Maschere tradizionali friulane realizzate in legno non dipinto, Ezio Cescutti
Maschere tradizionali friulane realizzate in legno non dipinto, Ezio Cescutti
Ezio Cescutti, artista friulano durante la creazione artistica
Ezio Cescutti, artista friulano durante la creazione artistica

Per maggiori informazioni: