Giovanna Zilli: pittrice della UAC per la mostra “Morârs” a Basiliano (Udine)

Giovanna Zilli si è accostata al disegno e alla pittura ad acquerello molto recentemente. Infatti, grazie all’insegnamento del maestro Alfio Talotti presso la UAC di Basiliano, ha imparato a eseguire correttamente lo schizzo a matita a partire dall’osservazione di dipinti di esperti pittori, per poi perfezionare l’opera. Grazie al suo precoce talento, ha avuto poi modo, ogni anno, di esporre i suoi disegni ad acquerello, al termine dei corsi. L’abbiamo intervistata in occasione della mostra “Morârs”, in programma dal 1° dicembre presso la sala consigliare di Basiliano, in provincia di Udine.

Giovanna Zilli, dipinto ad acquerello su carta raffigurante un filare di gelsi che delinea l'orizzonte nel paesaggio friulano
Giovanna Zilli, dipinto ad acquerello su carta raffigurante un filare di gelsi che delinea l’orizzonte nel paesaggio friulano

Quali sono i più bei ricordi che hai del tuo legame con il paesaggio e in particolare con i gelsi friulani?

Ho bellissimi ricordi legati al paesaggio friulano fin da quando ero piccola. Ho sempre amato l’ambiente in cui sono nata e cresciuta, essendo io originaria di una famiglia contadina di Blessano. E ancora oggi apprezzo l’ambiente che mi circonda, pur essendosi modificato in parte. I tronchi dei gelsi poi, grazie alla loro corteccia ruvida, mi ricorda le mie origini friulane forti e tenaci.

Giovanna Zilli, dipinto ad acquerello su carta raffigurante un filare di gelsi che delinea l'orizzonte nel paesaggio friulano
Giovanna Zilli, dipinto ad acquerello su carta raffigurante un filare di gelsi che delinea l’orizzonte nel paesaggio friulano

Sappiamo in particolare, come si nota nei tuoi acquerelli, che nutri un amore per i prati stabili friulani e soprattutto per la varietà dei fiori che li caratterizzano. Perché secondo te è importante difenderli e combatterne la distruzione?

I fiori spontanei dei prati rappresentano un arricchimento per il mio spirito ed una gioia per la mia vita, ma non solo. Essi sono un’importante fonte di biodiversità per la mia regione ed è per questo che devono essere salvaguardati.

Papaveri dipinti ad acquerello da Giovanna Zilli, pittrice friulana dell'Unione artistico-culturale di Basiliano (UAC), in provincia di Udine
Fiori dipinti ad acquerello da Giovanna Zilli, pittrice friulana dell’Unione artistico-culturale di Basiliano (UAC), in provincia di Udine

Ritieni che il paesaggio friulano sia elemento fondante della cultura delle persone che lo vivono? Ritieni utile una mostra come “Morârs” per rendere gli abitanti consapevoli dell’importanza del paesaggio e quindi della sua tutela per la loro stessa esistenza e identità?

Penso che tutto il progetto culturale “Morârs” sia particolarmente utile per preservare il paesaggio, affinché molte persone possano gioire dei regali della natura. I gelsi infatti sono alberi che in passato erano fondamentali per il nutrimento dei bachi da seta e che da sempre rappresentano l’impronta visiva e umana del paesaggio.

Alberi nel paesaggio friulano, dipinti ad acquerello da Giovanna Zilli, pittrice friulana dell'Unione artistico-culturale di Basiliano (UAC), in provincia di Udine
Alberi nel paesaggio friulano, dipinti ad acquerello da Giovanna Zilli, pittrice friulana dell’Unione artistico-culturale di Basiliano (UAC), in provincia di Udine

Quando dipingi i paesaggi a partire dall’osservazione di fotografie, il tuo intento è riprodurle nel modo più fedele possibile? Oppure ti fai guidare anche dall’emozione e sensazione che i gelsi ti hanno dato o ti danno tuttora?

Generalmente cerco di rimanere fedele alla fotografia, anche se mi piacerebbe migliorare, facendomi guidare solo dai miei ricordi e dalle mie emozioni. Con il tempo e la pratica mi auguro di riuscirci.

Fiori dipinti ad acquerello da Giovanna Zilli, pittrice friulana dell'Unione artistico-culturale di Basiliano (UAC), in provincia di Udine
Fiori dipinti ad acquerello da Giovanna Zilli, pittrice friulana dell’Unione artistico-culturale di Basiliano (UAC), in provincia di Udine

Cosa ti piace di più delle potenzialità pittoriche dell’acquerello? Che consigli ti dà Talotti nell’approcciarti a questa tecnica artistica? Senti la necessità di sperimentare altro, per esempio il colore ad olio?

L’acquerello mi piace tantissimo, infatti non sento la necessità di sperimentare altre tecniche pittoriche. Sotto la guida del maestro Alfio Talotti, ho imparato a rispettare il realismo in particolare delle luci e della prospettiva. Infatti con i suoi consigli e la mia fantasia spero di migliorare la mia capacità pittorica.

Scorcio friulano dipinto ad acquerello da Giovanna Zilli, pittrice friulana dell'Unione artistico-culturale di Basiliano (UAC), in provincia di Udine
Scorcio friulano dipinto ad acquerello da Giovanna Zilli, pittrice friulana dell’Unione artistico-culturale di Basiliano (UAC), in provincia di Udine

Per maggiori informazioni: